lendix

diventa

logo
Scopri di piùContinuare a october.eu

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Proseguendo la navigazione dichiari di essere d'accordo. Scopri di più.

Acquisire una nuova azienda

24 Ottobre 2019

Le aziende hanno a disposizione diversi strumenti per far crescere il proprio business. Nella nostra serie Moments of Life ne abbiamo già visti alcuni: tra questi ricordiamo la possibilità di investire in campagne di marketing per far conoscere il proprio prodotto o investire nell’internazionalizzazione per crescere attraverso lo sviluppo su nuovi mercati. A volte però il miglior modo che un’azienda ha per crescere è acquisire un business già esistente.

L’acquisizione di un ramo d’azienda può avere diversi vantaggi: ad esempio, attraverso un’acquisizione un’azienda potrebbe incrementare la propria quota di mercato, oppure acquisire un business che opera in un mercato estero rafforzando la propria presenza internazionale. Un’operazione di questo tipo può anche avere come obiettivo l’acquisizione di nuovi asset, competenze e brevetti. Inoltre, le maggiori dimensioni della nuova società risultante dalla fusione consentono di realizzare economie di scala, ad esempio attraverso un maggiore potere contrattuale sui fornitori o la condivisione degli impianti di produzione.

Ma un’acquisizione non è sempre una transazione tra imprese. Spesso è il risultato di una cosiddetta operazione di management buy-in, con la quale un nuovo proprietario (solitamente un manager della società stessa) acquisisce la proprietà dell’azienda rilevandone le azioni.

Qualunque sia il motivo, un’acquisizione di solito richiede un investimento importante. Se l’entità che rileva l’azienda non è in grado di finanziarla con fondi propri può richiedere un finanziamento. October ha finanziato numerosi progetti di acquisizione. Uno di questi è  UW-S, che ha ottenuto 308.000 euro per un management buy-in dopo la scomparsa dell’ex proprietario.

Analisi del Team Credito

Il finanziamento di un’acquisizione richiede un’attenta analisi. Non solo da parte nostra, ma anche da parte che rileva l’altra attività. Le acquisizioni possono essere rischiose, questi progetti hanno un tasso di default rispetto ad altre tipologie. Questo può essere dovuto al fatto che il venditore può sovrastimare il valore degli asset aziendali o non comunicare i debiti arretrati. In questo caso, l’acquirente paga sempre più del dovuto e l’investimento non produce alcun rendimento. Per questo motivo chiediamo sempre all’acquirente di effettuare un’adeguata due diligence. Inoltre, l’acquirente dovrebbe essere in grado di dimostrare di avere una conoscenza sufficiente del settore.

Le acquisizioni comportano anche un rischio operativo superiore alla media. Ad esempio, a causa della cattiva gestione dell’impresa acquirente o di “differenze culturali” tra i dipendenti delle diverse aziende. Ciò potrebbe causare incertezze sul mantenimento dei posti di lavoro e influirebbe sulla produttività, sui ricavi e, in ultima analisi, sulla capacità di rimborso. Per assorbire il rischio operativo, per i progetti di acquisizione richiediamo sempre che l’azienda abbia una capacità di rimborso superiore alla media. L’FCCR dovrebbe essere almeno 1,2, il che significa un margine di almeno il 20% per garantire il rimborso del prestito.

Tuttavia, le acquisizioni hanno grandi vantaggi se eseguite bene. Spesso portano ad un aumento delle vendite e ad una posizione di mercato più forte per la società di nuova costituzione. Questo porta grossi vantaggi derivanti da sinergie ed economie di scala. Ad esempio, gli sforzi di marketing possono essere combinati e realizzati con meno persone. Inoltre, tutti i costi possono essere ripartiti su più clienti. Le acquisizioni sono anche un modo semplice anche per ridurre i costi salariali, perché è possibile eliminare le sovrapposizioni di posizioni.

Per ridurre la pressione sul management, possiamo ridurre l’onere finanziario all’inizio del prestito offrendo un’opzione di rimborso differito del capitale. Durante un periodo di tempo prestabilito, la società dovrà pagare solo gli interessi. Un rimborso differito del capitale riduce lo stress e consente al management di assicurarsi che l’impresa acquisita operi a pieno regime. Dopo il periodo di rimborso differito del capitale, i rimborsi del prestito seguono un normale piano di ammortamento.

– Alexander e Bob del team di credito di Amsterdam.

« torna indietro all’elenco degli articoli