october

Lettera aperta alla nostra community

Non c’è bisogno di soffermarsi a lungo su come la nostra vita personale e professionale sia stata influenzata dal COVID nel corso del 2020. Siamo improvvisamente diventati tutti esperti in economia, sanità e geopolitica! Questo articolo vuole più che altro approfondire le conseguenze che questa straordinaria crisi la avuto per le PMI, gli investitori e October.

Primavera 2020: una stagione all’inferno

Nonostante una minaccia che si faceva sempre più vicina, osserviamo increduli al nostro primo lock-down. Poi le domande si susseguono rapidamente. Cosa ne sarà delle aziende che sono state costrette a chiudere senza una chiara prospettiva di riapertura? Come faranno a far fronte a un flusso di cassa che spesso copre solo poche settimane di inattività? Quali conseguenze avrà tutto ciò? Sono domande difficili che difficilmente aprono scenari felici. Ricordiamoci che prima della pandemia, né i prestiti garantiti né il lavoro a orario ridotto rappresentavano una consuetudine. In questo contesto, sviluppare scenari neri è stato facile, quasi scontato…

Un’unica convinzione: non ha senso premere sulla testa di una persona che sta annegando. Non ha senso cercare a tutti i costi di ottenere i rimborsi dei finanziamenti erogati quando le imprese sono in grave difficoltà. Abbiamo quindi deciso di adottare una misura forte e senza precedenti: sottoporre al voto dei nostri investitori una sospensione di 3 mesi su tutti i rimborsi. L’obiettivo è chiaro: dare alle nostre imprese clienti un pò di respiro in attesa di giorni migliori. Una decisione delicata con ripercussioni dirette sul fatturato di October che decide di sospendere le commissioni per allineare i propri interessi con quelli degli investitori.

Il tempo delle buone notizie

È con una certa trepidazione che a marzo lanciamo una massiccia consultazione elettronica di oltre 25.000 prestatori (grazie alla tecnologia!) oltre a contattare i nostri investitori istituzionali. Come reagiranno a quest’idea della sospensione dei rimborsi? Era arrivato il momento delle belle sorprese!

Lo spirito di solidarietà c’è. Il voto e il sostegno sono massicci. Il 99% dei nostri prestatori vuole sostenere l’iniziativa e la resilienza sta diventando un valore collettivo in Europa. Ma la solidarietà non si ferma qui. I progetti pubblicati nel bel mezzo della tempesta sono stati sottoscritti in poche ore, o addirittura in pochi minuti, da migliaia di prestatori decisi a continuare a sostenere il nostro impegno. Anche Bpifrance e ICO (la Bpi spagnola) ci hanno affidato nuovi fondi all’inizio della pandemia.

I sorrisi stavano tornando.

Il tempo di unire le forze

Questa situazione eccezionale è un’opportunità per fare un bilancio dei nostri punti di forza e preparare meglio il nostro futuro. La nostra tecnologia, i 6 anni di dati accumulati e la nostra presenza europea saranno i mattoni indispensabili per rendere October più forte e resiliente quando usciremo dalla tempesta.

Abbiamo rapidamente deciso di innovare intorno a queste aree chiave e abbiamo lanciato tre grandi iniziative.

In primo luogo, il lancio dei prestiti garantiti dallo Stato in modalità “Instant Project“. Grazie ai dati accumulati e alla nostra tecnologia, riteniamo che sia possibile erogare istantaneamente prestiti garantiti dallo Stato (fino a 250.000 euro). Pensa che un’azienda che richiede un prestito su October al mattino, riceve la sua approvazione durante la giornata. Tutto ciò reso possibile in tempi da record e in un momento in cui tutto il team lavora da remoto, senza sacrificare nulla alla qualità e ai controlli anti-frode. Già nel mese di agosto la società italiana La Fenice srl è stata una delle prime a ricevere 45.000 euro in questo modo. Questa è anche l’occasione per ringraziare il governo italiano, francese e olandese per aver autorizzato le piattaforme di finanziamento digitale a distribuire i prestiti garantiti dallo Stato. Perché, al di là della tecnologia, era necessario essere tra i soggetti ammessi a ricevere le garanzie statali. Nel 2020, in October sono stati erogati 247 finanziamenti garantiti e contiamo di poter proseguire in questa direzione anche nel 2021.

Poi il turismo, un settore storicamente sostenuto e conosciuto in October (non c’è bisogno di ricordare che la nostra prima impresa è stata Alain Ducasse…) e che siamo convinti si riprenderà rapidamente alla fine della crisi nonostante il pesante tributo che sta pagando. Avevamo bisogno di un’offerta dedicata (prestiti con pagamento differito, tempo necessario per consentire ai proprietari di ristoranti e hotel di riprendere fiato) e di prestatori impegnati (CDC e le compagnie di assicurazione). E’ stata sufficiente l’estate per creare un finanziamento su misura che ora è disponibile per tutte le aziende francesi.

Infine, e questa è probabilmente la nostra innovazione più radicale, il lancio di October Connect; la nostra toolbox tecnologica messa a disposizione di tutti coloro che finanziano le imprese. Concretamente, le sfide che stiamo affrontando (riallacciare il rapporto con le imprese, erogare i finanziamenti in modo efficiente e da remoto, combattere le frodi, capitalizzare meglio i dati accumulati, abbassare i costi di elaborazione delle pratiche…) sono sfide che tutti gli attori del nostro comparto si trovano ad affrontare, a cominciare dalle banche. La nostra occasione? Poter reinventare il business tramite una soluzione di finanziamento efficiente che può essere distribuita anche da altre istituzioni finanziarie.

Il tempo dei primi risultati

A dicembre, a meno di 9 mesi dall’inizio della crisi, stiamo già misurando i primi risultati delle nostre azioni:

  • Nel 2020, nonostante un inizio d’anno complicato, abbiamo sostenuto un totale di 395 PMI (+75% rispetto al 2019) che rappresentano 16.697 posti di lavoro e 5,74 miliardi di euro di fatturato. 1 PMI al giorno, sabato, domenica e giorno di lock-down inclusi!
  • Nel quarto trimestre abbiamo superato la soglia dei 500 milioni di euro erogati, 1.000 progetti finanziati (1.182 a oggi) e 1 milione di euro prestati dai prestatori individuali.
  • A dicembre 2020, abbiamo prestato 24,3 milioni di euro a 70 aziende e abbiamo così registrato il mese più attivo della nostra storia.
  • 295 milioni di euro raccolti per finanziare il futuro. Questa è di gran lunga la somma più grande che abbiamo mai raccolto. Con un finanziamento record da 200 milioni di euro in Italia da parte del Gruppo Intesa Sanpaolo.
  • Infine, abbiamo firmato il nostro primo accordo con un importante cliente per October Connect.

2021: E adesso?

Siamo più che mai convinti che l’innovazione, la velocità e la resilienza rimarranno fattori chiave in un contesto economico in rapido cambiamento. Nella nostra lista dei buoni propositi del 2021, stiamo già scrivendo:

  • Valorizzare l’uso della tecnologia per migliorare continuamente la nostra toolbox e prestare in modo più efficace alle aziende.
  • Fornire il miglior supporto possibile alle aziende durante un anno che probabilmente registrerà un aumento del tasso di default.
  • Trasformare i potenziali clienti di October Connect in clienti soddisfatti. Siamo convinti che la tecnologia sarà determinante per incanalare efficacemente i miliardi di euro necessari per finanziare l’uscita dalla crisi.

La nostra unica vera certezza è che anche il 2021 avrà la sua parte di sorprese! Allora andiamo all’attacco con entusiasmo e curiosità!

Il nostro augurio che il 2021 sia un anno eccellente per tutti e che nessuno di noi perda la voglia di andare avanti e innovare.