logo lendix

diventa

logo october
Scopri di piùContinuare a october.eu

imprese

Perché le imprese chiedono un prestito garantito dallo Stato?

Di recente abbiamo annunciato due importanti novità: la prima è che October è ora in grado di offrire prestiti garantiti dallo Stato in Francia; la seconda è che ora utilizziamo Magpie, un modello automatico di valutazione dell’idoneità delle imprese costruito su algoritmi di machine learning, per analizzare e selezionare le richieste di prestito fino a 250.000 euro che possono beneficiare di una garanzia statale.

Cosa sono i prestiti garantiti dallo Stato?

La crisi Covid-19 ha aumentato l’incertezza economica e gli investitori sono meno disposti a erogare credito. Ma ora più che mai le PMI hanno bisogno di liquidità, a volte per la loro crescita, più spesso per proseguire la loro attività mentre il fatturato è (temporaneamente) in calo.

Per garantire che le PMI ottengano la liquidità necessaria a continuare la propria attività, i governi stanno introducendo misure di mitigazione del rischio per gli investitori attraverso garanzie statali. Queste garanzie coprono una parte della perdita in caso di default. In altre parole, se un’impresa non è in grado di rimborsare il prestito, lo Stato lo rimborserà parzialmente per l’impresa. In quanto tali, le garanzie statali fanno sì che voi, in quanto prestatori, possiate concedere un prestito a una PMI con minore rischio.

In Francia, il governo ha annunciato un pacchetto eccezionale di 300 miliardi di euro di prestiti garantiti dallo Stato per sostenere le PMI francesi. Con questa garanzia, lo Stato francese copre fino al 90% del capitale prestato.

Dove entrano in gioco gli Instant Projects

Al fine di aumentare l’efficienza ed erogare più prestiti, October sta digitalizzando ulteriormente l’analisi del credito per progetti inferiori a 250.000 euro e coperti da garanzia statale. Per fare ciò utilizziamo Magpie, un modello automatico di valutazione dell’idoneità delle imprese costruito utilizzando algoritmi di machine learning su grandi quantità di dati raccolti da Octoebr negli ultimi 5 anni in diversi paesi.

Gli Instant Projects nascono da una semplice constatazione: quanto più lungo e complesso è il processo di finanziamento, minore sarà il tempo che le imprese potranno dedicare ai loro progetti. Ecco perché, grazie a Magpie, le aziende ammissibili sapranno in pochissimi minuti se possono ottenere un prestito e a quali costi.

Finora abbiamo pubblicato 10 Instant Projects coperti dalla garanzia dello Stato francese. Quasi 4.000 prestatori hanno già finanziato un Instant Project. Se avete prestato a uno di questi progetti, è probabile che abbiate notato alcune differenze rispetto ai progetti tradizionali.

  • La prima differenza consiste in una struttura dei rimborsi molto particolare, dovuta alle condizioni stabilite dalla garanzia dello Stato francese: durante i primi 11 mesi non vi è alcun rimborso, né di capitale, né di interessi. Gli interessi vengono rimborsati al dodicesimo mese. L’impresa può anche decidere di rimborsare il capitale (parzialmente o integralmente) alla fine del primo anno. Se l’impresa decide di non rimborsare il prestito per intero, il rimborso del capitale restante può essere scaglionato su un periodo da 1 a 5 anni. Durante questo periodo viene applicato un nuovo tasso d’interesse. Potete trovare una spiegazione più dettagliata nel nostro tutorial dedicato.
  • La seconda differenza è una descrizione del progetto molto meno dettagliata: per gli Instant Projects forniamo informazioni generali e i dati finanziari, ma non forniamo dettagli specifici sul motivo del finanziamento come per i progetti standard, perché queste informazioni vengono normalmente redatte dai nostri analisti finanziari. Gli Instant Projects, insieme alla garanzia dello Stato francese, hanno lo scopo di sostenere le PMI garantendo la continuità dopo l’impatto della crisi COVID-19 sulla loro attività. Ma cosa significa esattamente?

Obiettivo degli Instant Projects con garanzia dello Stato francese

COVID-19 e le misure adottate durante l’emergenza sanitaria hanno colpito le PMI in diversi modi. Si pensi ai ristoranti, agli alberghi e ai negozi che sono stati costretti a chiudere, o ai produttori che hanno dovuto ridurre la produzione per far fronte a una diminuzione della domanda. Molte PMI hanno liquidità sufficiente per affrontare a un breve calo di attività. Anche i fornitori e i governi hanno aiutato le PMI a sopravvivere con estensioni di pagamento e sussidi. Tuttavia, a causa di COVID-19, molte PMI hanno subito un prolungato calo dell’attività e ci possono essere diverse ragioni per cui un’azienda potrebbe aver bisogno di liquidità aggiuntiva per affrontare la crisi attuale. Prendiamo alcuni esempi concreti:

  1. Pagare i fornitori: le aziende che vogliono garantire la propria continuità nonostante la crisi dipendono ancora dai loro fornitori. In caso di calo del fatturato, le aziende devono ricorrere al credito per assicurarsi la liquidità necessaria a pagarli e garantirsi l’accesso alle risorse necessarie alla produzione.
  2. Pagare gli stipendi: una diminuzione dell’attività e un calo del fatturato significano anche che un’azienda ha meno liquidità per pagare gli stipendi. Tuttavia, la forza lavoro è essenziale per garantire la continuità dell’attività e la ripresa dalla crisi. Per evitare di ricorrere a misure drastiche come il licenziamento dei dipendenti, le aziende possono quindi contare su un prestito per assicurarsi la liquidità necessaria a pagare gli stipendi.
  3. Pagare gli affitti e altri costi fissi: anche durante la crisi, le aziende devono affrontare una serie di costi fissi, come l’affitto delle strutture in cui operano. Le aziende potrebbero dover prendere in prestito denaro per assicurarsi di avere risorse sufficienti per pagare questi costi fissi durante la crisi, almeno fino a quando un nuovo incremento del fatturato non fornirà loro la liquidità necessaria per coprire questi costi.
  4. Tasse e contributi: Un altro costo fisso che le aziende devono affrontare sono le tasse e i contributi per i loro dipendenti. Anche se in molti paesi i governi hanno introdotto misure per alleviare la pressione fiscale sulle imprese durante la crisi, il fatturato attuale generato dall’attività commerciale potrebbe non essere sufficiente a coprire questi costi.
  5. Nuovi investimenti: l’attuale crisi finanziaria sta certamente avendo un forte impatto sulla produttività, ma questo non significa che le aziende non possano continuare ad innovare e crescere anche in questo periodo. In molti casi, i nuovi investimenti possono essere la risposta più adatta per le aziende che hanno dovuto adattare il loro modello di business o sfruttare le nuove opportunità che anche in questo periodo, proprio a causa della crisi, possono essersi generate. Laddove la disponibilità di cassa di un’azienda non sia sufficiente a garantirne la crescita, October rappresenta una valida soluzione per sfruttare le nuove opportunità che anche in questo periodo il mercato può offrire.

Qualunque sia il motivo per cui un’azienda ha bisogno di liquidità, grazie agli Instant Projects e alla garanzia dello Stato francese October è ora in grado di offrire una soluzione di finanziamento ancora più rapida ed efficace. In qualità di prestatori, ciò vi permetterà di diversificare ancora di più il vostro portafoglio e di sostenere le imprese quando più ne hanno più bisogno.