logo lendix

diventa

logo october
Scopri di piùContinuare a october.eu

Quando prestare diventa un affare – Sergio Zocchi (AD Lendix Italia) ne parla su Forbes

Sergio Zocchi, Amministratore Delegato di Lendix Italia, è convito che il Fintech stia rivoluzionando il settore dei servizi bancari. E anche lui vuole giocare un ruolo da protagonista nel social lending  

l Fintech italiano promette di rivoluzionare i modelli di business tradizionali nel settore dei servizi bancari e assicurativi con benefici per tutti i clienti. Permette, cioè, di portare nuovi servizi a costi bassi e in maniera molto rapida sul mercato. E questo mette in discussione alcuni modelli che storicamente hanno caratterizzato questo settore. Gli operatori bancari si stanno attrezzando per stare al passo con i progressi della tecnologia.

“La decisione di espandere il business fuori dai confini francesi ha avuto i suoi frutti. La sfida era trovare anche in Italia investitori interessati a un mercato del credito alternativo”.

Sfida vinta.

“Poi abbiamo anche aggiunto un elemento di diversificazione geografica, dando la possibilità di investire in società straniere, ovvero aziende fuori dai confini dell’investitore. La nostra community continua ad allargarsi e ad oggi gli investitori presenti sulla piattaforma arrivano da circa 40 Paesi del mondo che possono investire senza alcuna differenza in operazioni sul mercato italiano, spagnolo e francese. E un domani anche in altri Paesi europei”, dice con orgoglio Sergio Zocchi (AD Lendix Italia).

I numeri gli danno ragione. Al 31 dicembre 2017 nel nostro Paese l’importo totale investito è stato di 7,73 milioni di euro a fronte di 553.798 euro di rimborsi agli investitori e 118.575 euro di interessi rimborsati agli investitori. I progetti ricevuti e analizzati sono stati 13.042, di cui 22 accettati ed effettivamente finanziati. Il numero di investitori attivi è di 10.487.

Leggi la versione integrale dell’articolo di Sergio Zocchi (AD Lendix Italia) pubblicato sulla rivista mensile Forbes (Febbraio 2018).

LEGGI L’ARTICOLO