logo lendix

diventa

logo october
Scopri di piùContinuare a october.eu

imprese

Due nuovi ritratti: Prodotto e Operations si raccontano.

La serie “Faces of October” continua con i responsabili di due aree strategiche.
Ecco due nuovi ritratti: Prodotto e Operations si raccontano tramite Sarah e Julien.

Una nuova intervista doppia per scoprire i professionisti di October, che lavorano ogni giorno per offrire a imprenditori, prestatori e partner il prodotto digitale più adatto alle loro esigenze e la miglior esperienza possibile.

Sarah Setti, Chief Product Officer

Di cosa ti occupi in October?

In qualità di Chief Product Officer, sono responsabile della strategia di prodotto e di supervisionare tutte le feature di prodotto, dall’ideazione al lancio.

Il CPO è lo specialista del Product Management e ha la responsabilità di strutturare e professionalizzare il processo. L’idea è di sviluppare il potenziale massimo del team di Prodotto: i Product designers, i Product managers, ecc… per creare il miglior prodotto digitale possibile.

Di cosa ti occupavi prima di unirti ad October?

Sono stata l’Head of Product in Wynd, un editor di software dove gestivo in collaborazione con un responsabile tecnico una Tribe (Team) di circa 50 persone dedicate a prodotti per supply chain management. Mi occupo di Product management da 7 anni con grande passione.

Quale aspetto del tuo lavoro ti appassiona di più?

  • Mettere al centro i clienti: empatia verso i nostri utenti, individuando i loro problemi e trovando la giusta soluzione – a cui magari non hanno nemmeno pensato – e vedendo il prodotto utilizzato e apprezzato. Nel team di prodotto, il tuo primo obiettivo è servire gli utenti creando un prodotto che amano davvero (UX /UI del team di progettazione) e che è ancora utile per l’azienda.
  • Potenziare il mio team: molti manager vedono il proprio lavoro come una dettatura dell’elenco dei compiti del proprio team e il risultato è un successo tattico a breve termine. Adottando questa strada, non potremmo mai raggiungere il pieno potenziale del nostro prodotto. Amo l’idea di creare un ambiente in cui il mio team possa possedere i risultati e non solo i compiti. L’organizzazione (sincronizzazione tra le squadre, processi di prioritizzazione, OKR dei prodotti, …) e l’implementazione del miglior ambiente per i team di prodotto e tecnico sono alcune delle cose che amo davvero del mio lavoro.
  • Essere l’interfaccia tra tech, design and business

Quali sono le 3 skill di cui hai sicuramente bisogno nel tuo ruolo?

  • Comunicazione
  • Empatia abbinata alla data-centricity
  • Avere una visione strategica

Cosa significano per te diversità ed inclusione?

Il nostro mondo tende sempre più alla globalizzazione. Diventando il remote working il new normal, la consapevolezza culturale non sarà più solo una “cosa bella da sapere”. Sarà una necessità per ogni buona compagnia.

Qual è stato il tuo primo punto di contatto con il mondo digitale?

Mio fratello maggiore, che giocava con il suo primo computer quando avevo 6 anni.

Quale impatto pensi che potrà avere la tecnologia sul tuo settore nei prossimi anni?

L’automazione dei processi e una nuova user experience che consentiranno alle imprese di accedere al finanziamento con un flusso sempre, veloce e standardizzato, che implicherà il rinnovamento della concezione del servizio bancario e di prestito. Come si può vedere qui con October Connect. 

Cosa fai nel tempo libero?

In un periodo senza Covid, ed essendo un fan dell’opera e della musica classica, trascorro molto tempo godendomi i teatri e l’opera. Amo scoprire nuovi artisti nelle gallerie d’arte e nei musei.

Sono una ballerina (lungi dall’essere una professionista) e una fan dello yoga (principalmente ashtanga).

Amo viaggiare in modo avventuroso, conoscere nuove culture e apprezzare nuovi paesaggi.

Che tipo di lavoro ti piacerebbe svolgere se non lavorassi nel fintech?

Avrei fatto il medico, che era il mio sogno da bambina. Lamia empatia avrebbe potuto essere un problema in questo ambito, motive per cui ho preferito diventare un ingegnere.

Julien Ramezani, Head of Client Operations

Di cosa ti occupi in October?

Sono l’Head of Client Operations.

Sono responsabile dell’intero processo dell’intero processo di concessione del credito alle imprese non appena ottengono l’approvazione del nostro Comitato Crediti.

Dalla redazione della documentazione contrattuale, al rimborso dei crediti, inclusi compliance, antifrode e recupero. Sono supportato da un fantastico team di 6 persone.

Di cosa ti occupavi prima di unirti ad October?

Prima di entrare a far parte del team October, ero un Financing Operations Manager presso una società di leasing e poi un Operations Support Manager presso un broker di leasing.

Ho trascorso tutta la mia carriera nel settore del leasing, sia in funzioni di supporto commerciale che in funzioni di gestione del rischio/antifrode.

Quale aspetto del tuo lavoro ti appassiona di più?

Amo lavorare in team, trasmettere le mie conoscenze su argomenti specifici come le frodi, sforzarmi continuamente di migliorare le nostre conoscenze e i processi. E, soprattutto, fare tutto il possibile per rendere la vita dei nostri clienti il più semplice possibile tutelando gli interessi dei nostri investitori, siano essi privati o istituzioni.

Quali sono le 3 skill di cui hai sicuramente bisogno nel tuo ruolo?

– Rigore: il minimo errore da parte nostra può avere effetti devastante per la reputazione dell’azienda e per i nostri investitori. Siamo l’ultimo punto di controllo prima che i fondi vengano potenzialmente inviati a un truffatore.

– Semplicità: dobbiamo tenere presente che abbiamo a che fare con persone che o non hanno il tempo perché hanno un’attività da gestire, o non sono abituate agli strumenti digitali. Ecco perché la nostra missione è anche semplificare il processo.

– Mantenere la mente aperta: il nostro processo è sempre perfettibile.

…e soprattutto, sii felice di andare a lavorare ogni mattina!

Cosa significano per te diversità ed inclusione?

Ognuno può portare qualcosa all’altro, perché ognuno ha una storia di vita ben definita da condividere. È così che possiamo crescere sia a livello umano che professionale.

Qual è stato il tuo primo punto di contatto con il mondo digitale?

Durante la mia precedente esperienza, abbiamo sviluppato una piattaforma di finanziamento web completa, consentendo di interrogare un gran numero di partner finanziari e di ottenere un contratto di finanziamento in meno di 10 minuti. Questa piattaforma è destinata agli attori che desiderano trovare soluzioni di finanziamento per le loro vendite da un gruppo di partner finanziari approvati.

Quale impatto pensi che potrà avere la tecnologia sul tuo settore nei prossimi anni?

La tecnologia consentirà ai giocatori nella competizione di progredire, semplificando l’accesso ai finanziamenti con un’esperienza utente semplice e veloce.

Cosa fai nel tempo libero?

Al di fuori di ottobre, sfrutto il mio tempo per fare sport, visitare il più possibile la mia famiglia e fare escursioni quando possibile (ho sempre uno zaino pronto, per ogni evenienza!)

Che tipo di lavoro ti piacerebbe svolgere se non lavorassi nel fintech?

Probabilmente mi sarei specializzato in compliance e antifrode in un istituto finanziario.