connect

Meet the CEOs of October: ecco il nostro Founder e CEO

Nella nostra rubrica Meeting the CEO’s of October parliamo con i CEO di Francia, Italia, Spagna, Olanda e Germania e oggi è il turno di Olivier Goy, Founder e CEO di October.

Vuoi scoprire il loro percorso prima di entrare a far parte del team October? Come differisce il panorama dei finanziamenti e quali sono le sfide di ogni singola country in cui October opera?

In precedenza abbiamo parlato con Luuc Mannaerts, CEO di October Olanda, Thorsten Seeger, CEO di October Germania, Gregoire de Lestapis, che guida October Spagna e con Sergio Zocchi, il nostro CEO di October Italia.

Leggi e guarda l’intervista!

Raccontaci qualcosa del tuo background; cosa hai studiato e quali sono le tue esperienze lavorative?

Sono sempre stato un imprenditore e ho sempre lavorato nel settore finanziario fondando due società: la prima 123Investment Managers, un fondo di private equity dedicato agli investitori retail, e la seconda October, 7 anni fa. Posso quindi annoverare 21 anni da imprenditore. Riguardo ai miei studi, l’unica cosa che ricordo è l’enorme influenza che HEC Montreal (Canada) ha avuto su di me. Durante quell’anno ho scoperto due cose fondamentali: la prima è il venture capital e la seconda è internet. Imparare tutto sul venture capital e su internet è stata determinante per le mie due aziende.

Hai lanciato October in Francia 7 anni fa. Puoi spiegare un po’ di più sul panorama finanziario del tuo paese dal lancio ad oggi e le sfide e le opportunità che questo comporta?

7 anni fa ho fondato October. E October esiste grazie a una nuova legge che ha aperto una breccia nel monopolio bancario.

Subito dopo la crisi del 2008, è sorta la necessità di creare più opportunità per gli imprenditori di ottenere finanziamenti; nel 2014 non era così facile per gli imprenditori ottenere denaro, soprattutto dalle banche. Naturalmente a causa dell’emergenza sanitaria Covid è cambiato molto.

Ora siamo già in 5 paesi. La nostra missione era di creare un’azienda con un DNA europeo molto forte. Quando abbiamo iniziato, tutti e 5 i paesi erano simili: le PMI italiane, olandesi o francesi non erano così diverse;

Dopo la crisi Covid-19, invece, i paesi si sono differenziati molto tra loro.

Per esempio, i prestiti garantiti dallo Stato in Francia e in Italia risultano di facile accesso per le PMI. Mentre è molto più difficile ottenere un prestito garantito dallo Stato nei Paesi Bassi, per non parlare della Spagna dove è ancora più complesso. Come fintech, pertanto, guardiamo favorevolmente alla presenza di prestiti garantiti dallo Stato in Francia, Italia e Paesi Bassi, mentre non possiamo dire lo stesso per Germania e Spagna.

Per riassumere: abbiamo iniziato con 5 paesi simili, ma ora questi 5 paesi sono ecosistemi molto diversi. E se lo si guarda da una prospettiva imprenditoriale, è molto interessante non avere tutte le uova nello stesso paniere. Essere in diversi paesi è un bene, soprattutto durante la crisi.

Qual è il tuo obiettivo quest’anno nel tuo paese? Su cosa vi concentrerete?

Per l’Europa, abbiamo avuto un ottimo inizio nel 2021. Abbiamo visto un aumento del 70% dei ricavi rispetto al 2020 e un aumento del 50% rispetto al 2019. È un anno molto forte in termini di prestiti. Oltre a questo, non stiamo solo vendendo prestiti, ma stiamo vendendo la nostra tecnologia a terzi. Questo è quello che chiamiamo October Connect. Abbiamo una crescita molto forte in questo segmento. Ci aspettavamo un anno difficile dopo la crisi sanitaria, ma al contrario stiamo vivendo una crescita straordinaria. Una crescita inaspettata considerando quello che abbiamo passato.

Con quale valore di October ti identifichi maggiormente?

Sarebbe la trasparenza, quindi ‘far entrare il sole’. La trasparenza è facile da dire, ma molto difficile da fare, soprattutto quando si attraversano momenti difficili. E noi lo abbiamo dimostrato diverse volte.

Durante la nostra prima frode, circa 5 anni fa, abbiamo avuto una frode e abbiamo perso 500.000 euro in un solo giorno. Quando si scopre questo e si ha una notizia così brutta, come si reagisce? Abbiamo dovuto considerare come divulgare la cosa. E abbiamo deciso di essere completamente trasparenti. È stato difficile, perché le reazioni dei nostri clienti sono state piuttosto negative, e lo abbiamo capito. Ma dopo il contenzioso abbiamo riavuto i nostri soldi, abbiamo messo il richiedente in prigione e ciò è stato molto apprezzato dai nostri clienti.

Questo è stato l’inizio di October in termini di cultura. Vivere insieme una situazione così difficile è stata la chiave per il futuro. Ecco perché mi piace molto questo valore della trasparenza e lo abbiamo dimostrato più volte durante il nostro percorso. Spiegare apertamente al mondo le nostre difficoltà. Io stesso l’ho fatto, spiegando la mia malattia e spiegando perché sto combattendo la SLA.

Raccontaci qualcosa del tuo progetto più memorabile

Naturalmente ricorderò sempre il primo, l’emozione di mettere il primo progetto online. Per di più era un progetto molto famoso, era Alain Ducasse, probabilmente lo chef più famoso di Francia, se non del mondo. Eravamo così orgogliosi di averlo in prestito sulla piattaforma di October, è stato un grande momento.

E poiché sono un imprenditore, mi piace anche l’ultimo. L’ultimo è il prossimo progetto, il progetto che riveleremo alla fine di questa settimana. Un grande progetto con una grande istituzione francese. Si tratta di vendere la nostra tecnologia a questa grande istituzione e un esempio del passaggio che abbiamo fatto dall’essere una semplice società di prestiti a una società tecnologica. Ancora una volta siamo un buon prestatore perché siamo un’azienda tecnologica, e siamo una buona azienda tecnologica perché siamo un buon prestatore. Non inventiamo funzioni negli uffici, ma inventiamo funzioni perché siamo sul campo a prestare alle PMI e questa esperienza concreta ci aiuta a migliorare il prodotto October.

Guardando indietro ai 7 anni di October, di cosa siete più orgogliosi?

Il primo giorno ci siamo resi conto che tre cose sarebbero state fondamentali per il successo di October, e sono orgoglioso di vedere che 7 anni dopo queste tre cose sono ancora molto importanti per October. Il fatto che i 3 pilastri che abbiamo scelto all’inizio sono ancora validi: Europa, tecnologia e un finanziamento che mescola investitori istituzionali e retail.

Il primo pilastro è essere un attore europeo; il fatto che abbiamo aperto uffici in 5 paesi è la chiave per noi oggi.

Il secondo pilastro è quello di non concentrarsi solo sugli investitori retail ma anche su quelli istituzionali. Era un’idea fin dal primo giorno e oggi siamo in grado di crescere tanto rapidamente quanto cresciamo perché abbiamo un mix unico di finanziatori retail e istituzionali.

L’ultimo pilastro è fare della tecnologia e dei dati un asset fondamentale. Il forte focus sulla tecnologia, ci ha aiutato a lanciare October Connect e ci ha aiutato oggi ad essere un prestatore migliore. È stato un investimento enorme, e a volte non molto gratificante, durante i primi anni. Ma ora siamo dove siamo ed è stato ripagato.

Come tutti in October sanno, lei è appassionato di fotografia ed è il fondatore della fondazione Photo4Food. Puoi dirci qualcosa di più su questa fondazione?

La [fondazione photo4food] (https://www.fondationphoto4food.com/) è un progetto creato da me e mia moglie. È una fondazione privata ospitata dall’Institut de France, una società dotta francese che raggruppa le cinque accademie tra cui l’Académie Française e l’Académie des Beaux-Arts. L’idea di questa fondazione è quella di combattere la povertà, grazie alla vendita di fotografie donate da artisti molto generosi. Dall’altra parte, la fondazione cerca di organizzare mostre ed eventi per promuovere i suoi fotografi talentuosi e generosi. È un accordo win-win. Aiutiamo le persone che combattono la povertà e aiutiamo i fotografi a godersi il viaggio. E abbiamo avuto ottimi risultati, abbiamo già consegnato centinaia di migliaia di pasti. Per esempio, il lunedì, il mercoledì e il venerdì, la strada vicino all’ufficio di October a Parigi è chiusa e serviamo centinaia di pasti al giorno, tutto l’anno e la fondazione paga i pasti e il trasporto per raccogliere il cibo nel quartiere.

Per mia moglie è un lavoro a tempo pieno. Ha deciso di lasciare il suo lavoro di direttore finanziario per concentrarsi completamente sulla fondazione, è un progetto di famiglia.

La fondazione è attiva per combattere la povertà in Francia. Quando si vuole combattere qualcosa, bisogna essere sul campo. Purtroppo non possiamo combattere a livello mondiale, quindi ci concentriamo sulla Francia. Ma questo è anche grazie al sostegno di fotografi internazionali dal Canada, dai Paesi Bassi, dall’Italia o dalla Francia.